|

mercoledý 11 novembre 2015

Quale esame predice la formazione di ulcere digitali nei malati di sclerosi sistemica?

I ricercatori hanno indagato la disfunzione endoteliale, i livelli sierici di endotelina-1e ADMA, biomarcatori angiogenici / angiostatici, endoglina e endostatina, e la videocapillaroscopia periungueale

NCFenomeno di Raynaud e ulcere digitali (DUS) sono frequenti nei pazienti con sclerosi sistemica (SSc).
Quale sia il valore diagnostico e predittivo di biomarcatori sulla formazione delle ulcere è stato l'oggetto di uno studio portoghese. I ricercatori hanno indagato la disfunzione endoteliale (come dilatazione flusso-mediata - FMD), i livelli sierici di endotelina-1 (ET-1), e ADMA, biomarcatori angiogenici / angiostatici (fattore di crescita vascolare endoteliale (VEGF), endoglina, e endostatina, e la videocapillaroscopia ungueale confrontando i risultati con quelli presenti in letteratura.
In uno studio di coorte di 77 pazienti SSc, i ricercatori hanno seguito due gruppi di pazienti: (i) pazienti naïve DU (39) e (ii) DU attiva al basale (38 pazienti) per 3 anni. Telangiectasie (p <0,001) e malattia diffusa (p = 0.001) erano significativamente più frequenti nei pazienti con DU attivo al momento dell'arruolamento.
Inoltre, il pattern di sclerodermia avanzata alla capillaroscopia, valori più bassi di afta epizootica, aumento dei livelli sierici di ET-1, ADMA, e endoglina così come bassi livelli sierici di VEGF sono risultati significativamente associati a nuovi eventi DU in 3 anni di follow- su.
L'analisi di regressione di Cox ha identificato come predittori indipendenti di sviluppo di ulcere digitali l'afta epizootica e le alterazioni capillaroscopiche.
Quando si considerano solo i pazienti naive senza ulcere, la probabilità di occorrenza di DU il solo fattore predittivo indipendente è la capillaroscopia. 
La metodica è quindi indicata sia nella diagnosi che nel follow up della malattia. 

Author:Silva I, Teixeira A, Oliveira J, Almeida I, Almeida R, ┴guas A7, Vasconcelos C

Source:Clin Rev Allergy Immunol. 2015 Oct;49(2):240-52