|

martedì 27 ottobre 2009

La specificità  del pattern capillaroscopico osservato nelle patologie autoimmuni del tessuto connettivo. Un confronto tra i cambiamenti microvascolari in patologie di rilevanza sociale: ipertensione arteriosa e diabete mellito.

The specificity of capillaroscopic pattern in connective autoimmune diseases. A comparison with microvascular changes in diseases of social importance: arterial hypertension and diabetes mellitus.

La capillaroscopia è una metodologia di riconosciuto valore nella diagnosi e nella differenziazione delle forme primarie e secondarie del fenomeno di Raynaud nel corso delle malattie reumatiche.

I caratteri più definiti sono quelli osservati nella sclerosi sistemica con il cosiddetto 'Scleroderma Pattern' ovvero presenza di capillari dilatati, emorragie, aree avascolari e neoangiogenesi. Cambiamenti simili sono stati osservati in pazienti affetti da dermatomiosite, 'Sindromi da Overlap' e denominati 'Scleroderma-Like-Pattern'. Nella loro determinazione nelle fase iniziali della patologia, l'osservazione capillaroscopica più specifica è costituita da capillari dilatati.

I cambiamenti capillaroscopici tipici delle malattie autoimmuni del tessuto connettivo sono specifici e differiscono significativamente da quelli osservabili nelle altre malattie. Alcune patologie di rilevanza sociale come il Diabete Mellito e l'pertensione Arteriosa spesso si presentano come comoborbidità  nei pazienti affetti da malattie reumatiche. Nel Diabete Mellito, l'esame capillaroscopico non mostra capillari dilatati fino ad uno stadio avanzato della patologia. Nelle fasi finali della patologia del tessuto connettivo è invece caratteristica la riduzione del numero di capillari. Inoltre, nel diabete, nella Stiff Hand Syndrome e nella Sclerodattilia sono comuni altre complicazioni, che devono essere distinte da manifestazioni simili presenti nella patologie reumatiche; l'esame capillaroscopico risulta perciò utile in queste situazioni di diagnosi differenziale. Nell'Ipertensione Arteriosa, la ridotta densità  capillare in diverse aree corporee è stata osservata sia in pazienti con accertata patologia sia nelle fasi precliniche. Fenomeni analoghi di riduzione della densità  a livello dell'area della piega ungueale sono stati osservati in pazienti con ipertensione essenziale mai precedentemente trattati con farmaci anti-ipertensivi.

Author:Lambova SN, Müller-Ladner U.

Source:Mod Rheumatol. 2009;19(6):600-5.