|

lunedý 18 ottobre 2010

Riduzione di sale in ipertesi e rarefazione dei capillari

Modest reduction in salt intake, as currently recommended, improves both functional and structural capillary rarefactions that occur in hypertension, and a larger reduction in salt intake would have a greater effect.

Nell'ipertensione è stata descritta la rarefazione microvascolare.

E' stato condotto uno studio della durata di 12 settimane randomizzato crossover in doppio cieco per determinare l'effetto di una modesta riduzione dell'assunzione di sale sulla rarefazione capillare in 71 bianchi, 69 neri, gli asiatici e 29 non trattati con pressione sanguigna leggermente elevata.

Sono stati misurati tramite capillaroscopia sia la densità basale della pelle che quella massima (durante la congestione venosa) presso il dorso e il lato delle dita.

Con una riduzione dell'assunzione di sale da 9,7-6,5 g / die, c'è stato un aumento della densità dei capillari (capillari per millimetro quadrato) da 101 + / -21 a 106 + / -23 (basale) e 108 + / -22 a 115 + / -22 (massimo) al dorso, e 101 + / -25 a 107 + / -26 (basale) e di 110 + / -26 a 116 + / -26 (massima) a lato delle dita (P < 0.001 per tutti).

Anche l'imaging con polarizzazione ortogonale spettrale ha mostrato un significativo aumento della densità capillare sia a livello del dorso delle dita sia a livello della membrana interdigitale.

L'analisi dei sottogruppi ha mostrato che la maggior parte dei cambiamenti sono stati significativi in tutti i gruppi etnici.

C'è stata poi una significativa correlazione tra la variazione di escrezione urinaria di 24 ore di sodio e la variazione della densità capillare a fianco delle dita. Questi risultati dimostrano che una modesta riduzione dell'assunzione di sale, come attualmente raccomandato, migliora sia la rarefazioni funzionale e strutturale dei capillari che si verificano con l'ipertensione, e una maggiore riduzione dell'assunzione di sale avrebbe un effetto maggiore.

Author:Egli FJ, Marciniak M, Markandu ND, Antonios TF, MacGregor GA.

Source:Ipertensione. 2010 Ago, 56 (2): 253-9