|

mercoledì 12 dicembre 2012

La capillaroscopia nei pazienti pediatrici reumatici

Lo studio, condotto dai ricercatori brasiliani dell’Università di San Paolo ha descritto l’impiego della tecnica capillaroscopica nei bambini e adolescenti affetti da patologie reumatiche autoimmuni.

capillaroscopia bambini malattie reumatiche

L’analisi ha valutato l’efficacia della tecnica capillaroscopica nello studio dei pazienti pediatrici e adolescenti affetti dalle principali patologie reumatiche autoimmuni - artrite idiopatica giovanile, lupus eritematoso sistemico, dermatomiosite giovanile, sclerodermia e connettivite mista – valutandone la relazione con i parametri clinici e di laboratorio e l’attività della malattia.

Il totale sono stati analizzati, mediante capillaroscopica ungueale, 147 pazienti rappresentativi delle principali patologie.

La maggior parte dei pazienti (76.2%) presentava un pattern capillaroscopico normale. Le principali alterazioni, riconducibili al cosiddetto pattern sclerodemico, venivano prevalentemente registrate nei pazienti affetti da dermatomiosite giovanile, sclerodermia sistemica e connettivite mista. Non veniva osservata alcuna correlazione tra le caratteristiche capillaroscopiche e l’attività della patologia nei pazienti affetti da artrite idiopatica giovanile, lupus e sclerodermia localizzata. Solamente nei pazienti affetti da dermatomiosiste era possibile osservare tale associazione.

Complessivamente, la tecnica capillaroscopica si dimostra un metodo utile ed efficace per assistere la diagnosi delle patologie reumatiche nell’infanzia e per monitorarne l’attività.

Source:Piotto DG, Len CA, Hilário MO, Terreri MT. Nailfold capillaroscopy in children and adolescents with rheumatic diseases. Rev Bras Reumatol. 2012