|

giovedì 12 giugno 2014

Cirrosi biliare e sclerodermia: la capillaroscopia permette la diagnosi precoce

L’impiego della metodica di microscopia in vivo facilita l’individuazione dei segni patologici caratteristici del disordine autoimmune. Un aiuto nel favorire l’esito del trapianto d’organo.

capillaroscopia cirrosi biliare

Lo studio del microcircolo cutaneo può rivelarsi di spiccato interesse clinico nella gestione della cirrosi biliare primaria. L’esame capillaroscopico permette infatti il riconoscimento di alcune anomalie della rete microvascolare tipiche della fase iniziale della sclerodermia, una condizione autoimmune sistemica che spesso accompagna la malattia epatica e può compromettere l’esito del trapianto d’organo.

Questi risultati giundono da uno studio condotto dai ricercatori del Dipartimento di Medicina Interna e di Malattie Digestive presso l’Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Orsola-Malpighi di Bologna.

Gli autori hanno infatti testato l’utilizzo di questa metodica non invasiva in un gruppo di 80 pazienti affetti da cirrosi biliare primaria e 72 affetti da altre condizioni patologiche croniche del fegato, unitamente allo studio del profilo anticorpale e di altri parametri biochimici.

In questo modo i ricercatori hanno potuto constatare che dieci dei pazienti affetti da cirrosi biliare primaria rispettavano i criteri diagnostici per la diagnosi di sclerodermia precoce. Al contrario, nessuno del gruppo controllo presentava simili caratteristiche.

Lo studio ha così evidenziato l’utilità della metodica capillaroscopica nell’individuazione dei soggetti affetti da cirrosi biliare primaria che presentano una malattia aumtoimmune in fase precoce non altrimenti identificabile, rendendo così possibile una tempestiva gestione delle complicazioni associate alla sclerodermia precoce, in primis l’interessamento degli organi interni che può compromettere l’esito del trapianto di fegato.

Source:Tovoli F, Granito A, Giampaolo L et al. Nailfold capillaroscopy in primary biliary cirrhosis: a useful tool for the early diagnosis of scleroderma. J Gastrointestin Liver Dis. 2014